Blog

Home / Giochi e Passatempi / Videogiochi per Bambini: Tutto Quello che c’è da Sapere

Videogiochi per Bambini: Tutto Quello che c’è da Sapere

Indice


DA CHE ETA’ INIZIARE CON I VIDEOGIOCHI?


Solitamente è consigliabile attendere i 4 anni di età, perché i giochi delle consolle o quelli delle App su telefonino o Tablet non sono adatti per bimbi più piccoli.

Meglio ancora se si aspettano i 6 anni.

La cosa migliore è osservare se il bambino è pronto per questo tipo di attività individuale ed è importante iniziare con sessioni di gioco molto brevi.

Serge Tisseron, psichiatra infantile, psicoanalista e direttore della ricerca presso l’Università Paris Ouest-Nanterre, ha proposto la regola del 3-6-9-12“. Con questo studio ha individuato l’età appropriata per l’utilizzo delle tecnologie (diffusa dall’Associazione Francese per l’Assistenza Ambulatoria Infantile AFPA).

Le cinque regole sono:

  1. fino a 3 anni far evitare gli schermi (niente consolle, smartphone e tablet…ma anche niente TV)
  2. fino a 6 anni non lasciare usare consolle di gioco portatili o giochi interattivi
  3. fino a 9 anni niente Internet da soli (solo supervisionati e con il parental control)
  4. Internet solo dopo i 12 anni (con regole di utilizzo, orari e parental control)

I SIMBOLI “PEGI” PER CAPIRE SE SONO ADATTI


E’ difficilissimo tenere i bambini e i giovani ragazzi lontani dalla tecnologia; per fortuna ci viene in supporto la guida “PEGI“. E’ l’abbreviazione di “Pan European Game Information” e indica un sistema di classificazione europeo dei videogiochi in base ai contenuti presenti in essi e non in base al grado di difficoltà del gioco come si potrebbe pensare.

Di solito è un simbolo posto nell’angolo in basso a sinistra della copertina del gioco.

E’ diviso in 5 diverse fasce d’età:

  • PEGI 3: gioco senza volgarità, nudità o violenza.
  • PEGI 7: possono contenere violenze non realistiche contro personaggi o oggetti. Sono senza volgarità o nudità.
  • PEGI 12: mostrano una violenza non realistica ma leggermente più esplicita fra personaggi di fantasia o umani. Possono essere presenti allusioni o atteggiamenti sessuali e espressioni volgari anche se non devono essere forti.
  • PEGI 16: è presente violenza tra umani e in attività sportive. La violenza o l’attività sessuale raggiunge un livello simile a quello della vita reale. Il linguaggio scurrile può essere più estremo e in questa classificazione possono anche rientrare contenuti relativi al gioco d’azzardo e all’uso di tabacco, alcol o droghe illegali.
  • PEGI 18: contenuti per soli adulti. La violenza raggiunge un livello tale da diventare rappresentazione di violenza grave, di omicidi senza apparente movente o di violenza nei confronti di personaggi indifesi. Dovrebbero rientrare in questa categoria anche l’esaltazione dell’uso di droghe illegali e l’attività sessuale esplicita.

Sul retro delle copertine dei videogiochi, invece, ci sono anche i descrittori di contenuto. Sono in tutto 8 e indicano presenza di: allusioni o atteggiamenti a sfondo sessuale; suoni raccapriccianti o effetti horror; linguaggio scurrile; elementi che incoraggiano o insegnano a giocare d’azzardo; immagini di sostanze stupefacenti illegali, di alcol o di tabacco; atti di violenza; sistemi di pagamento per contenuti aggiuntivi.


RISCHI DEI VIDEOGAME PER I BAMBINI


I rischi più comuni che corrono i nostri bambini durante le sessioni di gioco non vanno sottovalutati e sono:

  • disturbi della vista
  • deficit dell’attenzione
  • dipendenza dal gioco
  • distacco dalla realtà
  • sedentarietà

PERCHE’ LASCIARLI GIOCARE CON I VIDEOGIOCHI


Nonostante tutti gli aspetti negativi, ci sono anche valide motivazioni che ci fanno pensare che in fondo qualche ora passata a giocare davanti allo schermo non possa essere poi così male.

I video games, infatti, sviluppano nel bambino:

  • la familiarizzazione con la tecnologia
  • il ragionamento strategico
  • la coordinazione occhio-mano
  • la reattività di fronte agli stimoli
  • la conoscenza di lingue straniere
  • la complicità con il genitore o il fratello con cui poter giocare

Va incentivato soprattutto il gioco in compagnia di fratelli e amichetti. E, perché no, con noi genitori per condividere momenti di sfida e intesa.


QUANTO TEMPO POSSONO GIOCARE AI VIDEOGAME?


Siamo arrivate quindi alla conclusione che il problema non è SE farli giocare ai videogame…ma per quanto tempo. Limitarne la durata d’uso è fondamentale!

E’ indispensabile non superare le due o tre ore giornaliere e possibilmente non continuative. Esistono anche consolle e televisori sui quali è possibile impostare dei timer.

Possiamo consentire in tranquillità di giocare ai videogiochi a patto che sia chiaro e pattuito sin da subito il momento della fine del gioco anche per bimbi molto piccoli. E, ad ogni età, è necessario supervisionare visione e tipologia di gaming.


LE CONSOLLE PIU’ DESIDERATE DAI RAGAZZI


Tra le consolle di videogioco più amate dai bambini troviamo:

  • la Nintendo Switch: probabilmente la più adatta per chi ha figli piccoli. Ha molti giochi di fantasia dai colori vivaci e un ottimo sistema di parental control. Altra caratteristica che la contraddistingue è la possibilità di utilizzarla sia come joystick per la TV che in giro come consolle portatile.
  • la PlayStation: piattaforma dalle prestazioni elevate e processore velocissimo che consente una giocabilità perfetta per chi ama giochi di ruolo dalla grafica ad altissima definizione. E’ quella con la maggior scelta di giochi in vendita.
  • la Xbox: altrettanto potente. Come la PS è un gioiello di tecnologia e garantisce un’ottima interattività di gioco. Si distingue per il design accattivante e per i giochi esclusivi Microsoft.

I VIDEOGIOCHI PIU’ AMATI DEL MOMENTO


SEGUICI ANCHE SU Facebook e Instagram!

>>> Articoli correlati:

 >>> Scopri lo SHOP:

Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti

Dal nostro Shop

Pufatech 50 perle

Il prezzo originale era: 24,00€.Il prezzo attuale è: 19,20€.

Omega 3 e Vitamina E

Integratore alimentare:
  • riduce colesterolo e trigliceridi nel sangue 
  • antiinfiammatorio
  • neuro-protettivo
  • cardioprotettivo
  • antiossidante

Fibro Pass

Il prezzo originale era: 30,00€.Il prezzo attuale è: 24,00€.

Integratore a base di fibre, estratti vegetali e FERMENTI LATTICI

  • Regolarizza transito intestinale
  • Riduce irritazioni apparato digerente
  • Riequilibra la flora batterica

Indicato per:

  • stitichezza causata da diete povere di fibre (anche Stitichezza cronica)
  • cattiva circolazione a livello delle anse intestinali
  • insufficienza epato-biliare

IMMUNOtech

Il prezzo originale era: 29,50€.Il prezzo attuale è: 23,60€.

Stimola le naturali difese dell'organismo 

Integratore alimentare indicato nella prevenzione delle malattie da raffreddamento e nelle forme influenzali con proprietà antibatteriche ed antiinfiammatorie.

Pearly 2

Il prezzo originale era: 445,00€.Il prezzo attuale è: 395,00€.

METODO CONTRACCETTIVO NATURALE TECNOLOGICO

  • AFFIDABILE al 99,3% ANCHE con CICLI IRREGOLARI e in PREMENOPAUSA
  • NON INVASIVO – lascia inalterato il ciclo biologico
  • REVERSIBILE – in qualsiasi momento se ne può invertire l’utilizzo
  • SEMPLICE COMODO– anche per Donne con bimbi piccoli o che fanno un lavoro su turni
  • ECONOMICO – NON richiede l’ACQUISTO di STICK
  • UTILE come supporto diagnostico, consente il monitoraggio di OVULAZIONE ed equilibrio ormonale
  • ECOLOGICO  è un bene durevole rispettoso dell’ambiente
Carrello
Accedi

No account yet?

Shop
Lista dei desideri
0 articoli Carrello
Il mio account